Istituzioni

Cosa si deve sapere prima di iniziare a compostare

23 marzo 2015

Tutte le sostanze organiche sono caratterizzate da una certa quantità di carbonio e da una certa quantità di azoto. Nelle sostanze secche, come la carta, le foglie e il legno, il rapporto tra queste due quantità è elevato, mentre per le sostanze umide, come la frutta o la verdura, esso assume valori più bassi. Ma in termini di decomposizione, cosa significa questo rapporto Carbonio/Azoto? Significa che se nel nostro mucchio o buco o compostiera, mettessimo solamente ramaglie e quindi sostanze con rapporto C/N alto, dovremmo attendere più anni per avere del materiale unificato. Se invece avessimo solo montagne d’erba fresca, o di scarti di frutta, ecc., alla fine non avremmo solo una massa umida, priva di ossigeno, con sviluppo di cattivi odori e perdita di azoto, che significa perdita di potere concimante del compost.
Ai microbi, se vogliamo che lavorino bene, dobbiamo dare carbonio e azoto (in altre parole sostanze secche e umide) in un giusto rapporto. E’ stato calcolato che il rapporto ottimale per un buon processo di decomposizione è 20-25. Se il rapporto è più alto (prevalenza di materiali secchi) i microrganismi lavorano lentamente e il cumulo si raffredda. Se invece il rapporto è più basso (prevalenza materiali umidi) si formano odori sgradevoli per l’emissione di sostanze azotate sotto forma di gas. Pertanto bisogna cercare di mischiare parti secche e umide nelle giuste proporzioni.

Esempi:
un volume di scarti umidi ed un volume di scarti secchi “soffici” come tovaglioli, carta, gusci d’uovo,…)
un volume di scarti umidi e mezzo volume di scarti secchi “densi” (legni triturati, cartoni spezzettati,…)

Condividi
Condividi questa news sui social network
Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la Cookie Policy.